Beta!
Passa al contenuto principale

Titolo: Per una rosa ofelia

Autore: Diego Valeri

Data: 1939-07-19

Identificatore: 1939_204

Testo: Per una rosa ofelia
1.
Socchiudendo le palpebre di rosa, la bionda rosa guarda la mattina con limpidi occhi di azzurra rugiada, e par che un lento stupore l'invada d’essere al mondo, in quella sua divina forma di fiore, d'essere una rosa.
2.
Non sa la rosa d'essere una rosa: vede sé aperta sul selvaggio pruno quand'è il suo giorno, nel tornar dell'anno, beata ride al luminoso inganno del cielo nuovo e si stempra in profumo, come donasse il suo sangue di rosa.
3.
Una cosa di terra anche la rosa; ma la forza che al cielo la solleva nella corona delle verdi foglie e la preme dall'intimo e la scioglie come una fiamma di dolcezza piena, è il mistero di Dio dentro una rosa.
4.
Questa pallida innamorata rosa, nell’atto che le bionde chiome scioglie al soffio della vespertina brezza, sembra esalar quell’ultima dolcezza della sua dolce vita, che s’accoglie entro le sue secrete ombre di rosa.
5.
Avvolta il capo nel braccio di rosa, dorme la bionda rosa, sola sola, presa nel sogno dell’ebro suo cuore, ma la sua carne ha un profumo d'amore che si spande nell’aria e al vento vola: onde la notte sa tutta di rosa.
6.
Forse una rosa non è che una rósa, ma par che tutta la vita sia chiusa entro il suo gorgo di tenera luce.
A quale occulto vero ci conduce la traccia della sua dolcezza effusa?
A quale eternità passa la rosa?
7.
Come ogni altra bellezza, anche tu, rosa, celi un numero in te, docile servi la musica profonda che t’inspira: sei come suono di temprata lira, eco d'un’armonia di cieli eterni fatta visibile in forma di rosa.
8.
Tutte le morte rose, in una rosa sola rinate e rimorenti. O vita d'innumerate specie e duna essenza, trasmutante e immutabile presenza di ciò ch’è fu sarà nell'infinita vicenda. O immensa e sempiterna rosa.
9.
Quale angelica mano, o lenta rosa, t’ha modulata con la sua carezza secondo il lento volvere dei cieli?
Quale sorriso di letizia angelica è sceso in te, che splendi di certezza oltreterrena, o moribonda rosa?
Diego Valeri

File: PDF, TESTO

Collezione: Diorama 19.07.39

Etichette: ,

Citazione: Diego Valeri, “Per una rosa ofelia,” Diorama Letterario, ultimo accesso il 15 giugno 2024, https://www.dioramagdp.unito.it/items/show/2621.