Beta!
Passa al contenuto principale

Titolo: Ciò che fanno

Data: 1936-11-26

Identificatore: 1936_98

Testo: Ciò
che fanno
Tempo di riviste. Ne sono nate parecchie, con programmi più o meno decisi. Per oggi accontentiamoci di annunciarne due: La Riforma Letteraria a Firenze e Termini a Fiume. La Riforma fiorentina diretta da Alberto Carocci (che diresse già Solatìa) e da Giacomo Noventa chiarisce nei suo programma essere il presupposto della « riforma che noi proponiamo » patriottico, è cioè « la nostra fede in un primato morale e civile degl’italiani nell’universo e per l’universo ». Alla perfezione del quale primato « una letteratura nuova è necessaria ». Termini, edita dall’Istituto fascista di cultura del Carnaro, è diretta da Giuseppe Gerini, redattore capo Garibaldo Marussi; ha carattere prevalentemente antologico, una specie di ritrovo dei migliori scrittori dove gli spiriti si plachino in una reciproca posizione di rispetto e si rivelino, attraverso temperamenti magari opposti, le infinite sfumature delle posizioni intermedie della cultura.
* L’Almanacco Letterario Bompiani assegna ogni anno, per voto segreto dei maggiori critici italiani, il « Premio Galante » a una scrittrice. Pare che quest’anno la scelta dei critici cadrà su una delle seguenti candidate: Ada Negri, Fausta Terni Cialente, Milly Dandolo, Paola Drigo, Ain Zara Magno, Daisy di Carpenetto, Gianna Manzini (già premiata altra volta), Maria Luisa Fehr, Mary Tibaldi Chiesa, Maria Luisa Fiumi, Liliana Scalero.
* Uscirà tra breve presso Mondadori Uomo e Donna, il nuovo volume di liriche di Ugo Betti. Il libro, che si presenta non già come una raccolta di pagine raggruppate più o meno occasionalmente, ma come una costruzione unitaria, riunisce vari componimenti usciti in questi ultimi sei anni su giornali e riviste e un folto manipolo di poesie inedite.
* Novità di Zanichelli: L’autore di duecento commedie di Lucio d’Ambra, biografia di Carlo Goldoni, prima d’una collana di « Vite di grandi scrittori narrate al popolo da un romanziere » che sarà tutta dettata dal d’Ambra; La religione degli Hittiti di Giuseppe Furlani; Lineamenti dell’ordinamento corporativo fascista di Bruno Biagi; Garanzia di potenza di Alberto de’ Stefani; Elementi di legislazione sociale del lavoro di Umberto Borsi.
* Corrado Tumiati che una decina d’anni fa aveva tradotto dal testo inglese di F.W. Bain un’antica leggenda indù, ne presenta ora un’altra intitolata La caduta del sole, ciclo della nascita e delle vicende d’una passione amorosa veramente predestinata e fatale. Nell’introduzione il Bain, orientalista dottissimo, spiega il significato mistico e filosofico della poetica leggenda; il Tumiati dal canto suo ne ha dato una versione assai felice conservando l’andatura quasi ritmica del racconto senza abbandonarsi ad arbitrii. Della Caduta del sole ha curato l’edizione Franco Antonicelli, ed è veramente edizione sobria e bellissima, uscita dalla tipografia di Darlo Frassinella. L’adornano una copertina di Leo Ravazzi e alcune illustrazioni a colori di Maria Signorelli.

File: PDF, TESTO

Collezione: Diorama 26.11.36

Citazione: “Ciò che fanno,” Diorama Letterario, ultimo accesso il 15 giugno 2024, https://www.dioramagdp.unito.it/items/show/2314.