Beta!
Passa al contenuto principale

Titolo: Rifugio

Autore: Giuseppe Villaroel

Data: 1931-09-09

Identificatore: 145

Testo: RIFUGIO

Forse la terra, in cui la giovinezza prima sorrise a questo umano affanno, potrà ridare un sogno alla vecchiezza.

Il cielo porterà nuvole e stelle alle finestre. E all’anima ribelle la vita — e la sua inutile fatica — sarà, come l'infanzia, un breve inganno.

Dimenticare il tedio è l'amarezza d'ogni cosa perduta nel cammino, l’amore che intristì come un giardino ove cadde ogni fiore in suo germoglio; e il vecchio sarà simile al bambino, senza rimpianti e senza duro orgoglio, pago di un nulla, ove risplenda il sole innanzi all’uscio della casa antica, — sempre materna a tutto ciò che fu — aspettando così, come un’amica che si accoglie con tenere parole, l’ora in cui il tempo non cammina più.

Giuseppe Villaroel.

File: PDF, TESTO

Collezione: Diorama 09.09.31

Citazione: Giuseppe Villaroel, “Rifugio,” Diorama Letterario, ultimo accesso il 24 luglio 2024, https://www.dioramagdp.unito.it/items/show/145.